18 marzo 2007


La Chiesa non dia ordini, serve il dialogo laici-cattolici
GERUSALEMME - "Credo che la chiesa italiana debba dire cose che la gente capisce, non tanto come un comando ricevuto dall'alto, al quale bisogna obbedire perché si è comandati. Ma cose che si capiscono perché hanno una ragione, un senso. Prego molto per questo".
Quindi non sono io che mi faccio le canne e sono stato tacciato da qualcuno quale "blasfemo" se contesto la voce del Papa....
se anche cotanto Cardinale ha sentito il bisogno di dare questo piccolo segnale di dissenso, vuol dire che il Papa e il suo nuovo assetto sta stringendo un pò troppo.... A chi dare la Comunione, quando parlare in Latino, come fare le Leggi...
Quando si proverà a sentire anche le lacerazioni che dà la vita quotidiana, senza fermarsi a sentenziare da una sontuosa stanza con abito Porpora o Bianco che sia?

1 commento:

Giosuè ha detto...

... ma lasciali stare, più che cercare la coerenza della Sposa (la Chiesa) cerca di stringere un legame leale, sincero, coerente ed intimo tu con lo Sposo (Gesù) sarebbe sconveniente che dopo il nostro affannarci Egli ci dica :" ...non ti conosco!" (Mt 25,12 e Lc 13,25)